“Giano – Specchio riflesso” di Renzo Ricci

Giano – Specchio riflesso, Renzo Ricci, Aracne Editrice 2019, 230 pagine

Giallo poliziesco introspettivo

 

Nato a Roma nel 1956, Renzo Ricci è autore di “Sole a mezzanotte” (2014) e “Malefica discendenza” (2016), i due romanzi che insieme a “Giano – specchio riflesso” costituiscono una trilogia.
La sua passione per viaggi e per gli enigmi criminosi gli hanno fatto guadagnare il soprannome di Tour-operator degli Omicidi, tanto la descrizione dell’ambientazione è veritiera.

A Budapest Lamberto Liverani, ormai stanco e claudicante, viene esaminato dal Gran Maestro Kostas per capire se ci siano possibilità di ammetterlo alla loggia massonica.
Mentre i loro dialoghi si susseguono, il commissario Claudio Berardi, incaricato dal Capo Procuratore di risolvere definitivamente il caso, convoca a Roma l’amico e ispettore Jorgen Eykenbrock; “rimettere in piedi una storia finita male” per Berardi sarà l’unica opportunità di riscatto dopo il fallimento. Per Eykenbrock, estromesso dalla polizia norvegese e caduto in depressione, sarà forse un’occasione per voltare finalmente pagina.
Alle indagini prenderà parte anche Ambra Naves, anche lei già conosciuta nel romanzo precedente, ma sarà con l’entrata in scena della sua amica Asante che l’intreccio si complicherà.

A differenza degli episodi precedenti, dove omicidi e indagini erano effettivamente il perno centrale della trama, stavolta l’elemento dominante è la ricerca introspettiva dei personaggi, che si interrogano costantemente sulla direzione da dare alla vita, quella vita che non fa sconti, come dal dialogo tra Asante e Ambra:

«Dovere, dovere, dovere. Sempre e solo dovere. Non abbiamo mai diritti in questa vita?»
«Che cosa vuoi che ti dica: i doveri ce li impongono, ce li troviamo alla nascita; i diritti ce li dobbiamo conquistare»

O ancora la vita in una società minacciata dall’ingiustizia, in una riflessione che Jorgen rivolge a Claudio:

«Un popolo diviso e addomesticato, costretto a vivere nella cultura dell’emergenza, a sopravvivere, non ha tempo per rivendicare i propri diritti. Quando nessuno avrà più fiducia nell’altro, i pochi al potere governeranno senza opposizione e rimarranno al comando senza ricambio. Così è più facile controllare.»

Fiducia, amicizia, ma anche desiderio di vendetta, che diventa ossessione, questi sono i motori che muovono la storia. Solitudine e ricerca dell’altro, stima e delusione, saranno riflessi opposti e uguali nello stesso specchio; lo specchio unico interlocutore di un fuggitivo che non si riconosce più.

La narrazione procede scorrevole, priva di elementi che appesantiscono.
I frequenti richiami alle vicende sviluppate nei libri precedenti rendono il lettore in grado di apprezzare la storia nella sua interezza pur senza aver letto gli altri episodi.

Il mistero e l’esoterico sono presenti, stavolta, nelle parole del professor Kostas: una lezione sulla musica e le sue frequenze, risultato di uno studio mirato dell’autore.

La tensione adrenalina e la suspense degli episodi precedenti lasciano qui maggiore spazio alle emozioni dense capaci di scuotere in profondità.

Giano, dio del principio e della fine, ribalterà i ruoli in un epilogo dove cacciatore e preda saranno volti della stessa testa.

di Valentina Becattini – Tuo Editor e…

 

2 risposte a ““Giano – Specchio riflesso” di Renzo Ricci”

  1. Anche se sono l’autore del libro in questione, devo riconoscere l’acume della recensione e l’aver raccontato, attraverso alcuni brani del libro la trama, senza entrare troppo nel merito. Descrive bene l’atmosfera e la perenne lotta del bene che diventa male e viceversa. Lo specchio dell’anima e della società. Renzo Ricci

  2. Ho letto la trilogia e, come sottolineato nella recensione, quello che colpisce è il rapporto tra le storie e i luoghi visitati dall’autore, descritti in modo così puntuale da fare entrare il lettore non solo nella storia ma anche nel luogo geografico in cui si svolge, in una sorta di viaggio itinerante che affascina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.